Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 17 dicembre 2016

Sabato 17 Dicembre

Dal Vangelo secondo Matteo 1,1-17.

Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo.
Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli,
Giuda generò Fares e Zara da Tamar, Fares generò Esròm, Esròm generò Aram,
Aram generò Aminadàb, Aminadàb generò Naassòn, Naassòn generò Salmòn,
Salmòn generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse,
Iesse generò il re Davide. Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Urìa,
Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abìa, Abìa generò Asàf,
Asàf generò Giòsafat, Giòsafat generò Ioram, Ioram generò Ozia,
Ozia generò Ioatam, Ioatam generò Acaz, Acaz generò Ezechia,
Ezechia generò Manasse, Manasse generò Amos, Amos generò Giosia,
Giosia generò Ieconia e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia.
Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconia generò Salatiel, Salatiel generò Zorobabèle,
Zorobabèle generò Abiùd, Abiùd generò Elìacim, Elìacim generò Azor,
Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliùd,
Eliùd generò Eleàzar, Eleàzar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe,
Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù chiamato Cristo.
La somma di tutte le generazioni, da Abramo a Davide, è così di quattordici; da Davide fino alla deportazione in Babilonia è ancora di quattordici; dalla deportazione in Babilonia a Cristo è, infine, di quattordici. 

 


Questo è il brano di Vangelo che sembra il più lontano possibile da noi, che forse ci dice poco, ed ammettiamolo, forse anche un po' noioso e ripetitivo con tutti quei nomi!
Io invece penso sia uno dei miei preferiti, perchè mi mostra uno degli aspetti per cui amo da impazzire questo Dio!
Si, sembrani solo nomi, ma soffermandoci sulle loro storie troviamo qualcosa di significativo ed a volte, picevolmente scandaloso.
Calcolando il contesto storico ed il periodo in cui è stato scritto, ci sono delle sorprese. Ci si aspetterebbe una genealogia "perfetta", fatta di puri e grandi santi, ed in effetti parte così: I primi 3 sono dei "pezzi da 90" Abramo, Isacco, Giacobbe.
Ma poi stupisce la presenza di alcune donne (il contesto storico era diverso) in una genealogia principalmente maschile; alcune di esse poi hanno storie significative.
C'è anche la presenza di "stranieri" provenienti da nazioni pagane, altra cosa sconvolgente e ritenute indecorosa per l'epoca.
C'è anche il peccato (Davide e Betsabea) all'interno di questa storia.
Credo che voglia dirci che Cristo è venuto per tutto e per tutti, senza esclusioni, prende su di se la storia della umanità e la accoglie, la guarisce anche in tutte le sue possibili ferite.
Ci sono anche io in quella storia!
Ed allora il "Dio con noi" si fa "Dio per noi".
Qual'è il mio posto nella genealogia di Gesù? Sono consapevole che Lui è felice io ne faccia parte nonostante le mie pochezze?

Buona giornata e buon fine settimana!

Nessun commento:

Posta un commento