Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 6 dicembre 2016

Martedì 6 Dicembre

Dal Vangelo secondo Matteo 18,12-14. 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Che ve ne pare? Se un uomo ha cento pecore e ne smarrisce una, non lascerà forse le novantanove sui monti, per andare in cerca di quella perduta?
Se gli riesce di trovarla, in verità vi dico, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite.
Così il Padre vostro celeste non vuole che si perda neanche uno solo di questi piccoli». 

 

 


il Padre vostro celeste non vuole che si perda neanche uno solo
Ecco il progetto, il desiderio, del Padre.
Nemmeno uno dei suoi figli si deve perdere. Questo non per volontà di dominio, o perfezionismo ma per amore! Un amore che è veramente spropositato, tanto da sovvertire il senso comune: lasciare novantanove pecore incustodite per cercarne una perduta.
Solo l'amore può spingermi a a compiere una pazzia di questo tipo.
Il calcolo e l'interesse personale farebbero l'opposto, si accontenterebbero del guadagno sicuro abbandonando la pecora perduta.
Un' altra cosa che contraddistingue quest'amore è la gioia, l'allegria per la pecora ritrovata. Una gioia che ridà vita al pastore e che porta le altre pecore (gli altri figli) a gioire e rallegrarsi con Lui.
 Solo riconoscendo la fedeltà di Dio che viene continuamente a cercarmi, nonostante le mie fughe, posso imparare a gioire per il fratello ritrovato e perdonato.
Altrimenti vivrei delle assurde invidie, e continuerei a giudicare.

Buona giornata!!!

Nessun commento:

Posta un commento