Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 14 dicembre 2016

Mercoledì 14 Dicembre

Dal Vangelo secondo Luca 7,19-23.

E li mandò a dire al Signore: «Sei tu colui che viene, o dobbiamo aspettare un altro?».
Venuti da lui, quegli uomini dissero: «Giovanni il Battista ci ha mandati da te per domandarti: Sei tu colui che viene o dobbiamo aspettare un altro?».
In quello stesso momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò la vista a molti ciechi.
Poi diede loro questa risposta: «Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi vengono sanati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunziata la buona novella.
E beato è chiunque non sarà scandalizzato di me!». 

 

 

 

Anche Giovanni Battista, il più grande tra i nati di donna (definizione data da Gesù stesso), colui che aveva indicato ai suoi discepoli Gesù come l'agnello di Dio; anche lui non ha compreso chi sia Gesù.
E' qualcosa che accomuna tutte le persone a Lui più vicine: il Battista, i discepoli, gli apostoli, alcuni familiari....
Per me oggi è un dono, perchè mi permette di non scoraggiarmi quando anche io fatico a comprendere, quando a fianco della fede sorge il dubbio.
Nel Vangelo di oggi è il Battista in persona ad avere qualche dubbio, ma li supera affidandosi, domandando direttamente a Gesù.
E' un indicazione importante: non devo credere di possedere io tutte le risposte, ma sapermi affidare chiedendo a Lui.
E la risposta di Gesù è concretissima!
Non si limita alle parole, anzi, prima compie dei gesti significativi, e poi li nomina. Questi gesti sono quelli preannunziati da Isaia e poi annunciati da Gesù nella sinagoga all'inizio del suo ministero pubblico, sono un segno chiaro della  natura di Gesù.
Io lo so riconoscere? Perchè quei gesti, Lui è venuto a compierli anche per me! 
Sono io il primo ad aver bisogno di riacquistare la vista, di camminare, di essere sanato. Di Risorgere!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento