Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 26 gennaio 2017

Giovedì 26 Gennaio

Dal Vangelo secondo Luca 10,1-9

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.

Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.

In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.

Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

 

 

" Li inviò a due a due".
Questo è un aspetto che era caro anche a San Francesco. Quando inviava i frati per il mondo a predicare, li mandava anche lui sempre a due a due.
Una piccola fraternità, segno dell'amore fraterno, l'unica "cosa" che serve per portare questa testimonianza nel mondo. 
Non servono borse, sacche, sandali, niente; serve solo l'amore!
Ed il primo frutto di quest'amore è la pace, per questo la prima parola che pronunciano incontrando qualcuno è proprio "pace".
Quanto nella mia vita so essere profeta di pace in mezzo ai miei fratelli? E quanto so essere segno di fraternità nel mondo?
Certo io sono facilitato vivendo in fraternità, con molti altri frati; ma so davvero cosa vuol dire essere fratelli?
Non è cosi facile! Oggi abbiamo quasi svilito questa parola, soprattutto noi giovani che la usiamo in maniera simpatica, per salutare gli amici, ma senza averla compresa fino in fondo!
"Fratello" non è il "volemose bene", e nemmeno il riflesso di un'appartenenza di gruppo.
Fratello è riconoscermi figlio di Dio, e riconoscere che anche gli altri lo sono! Non siamo fratelli a caso, siamo fratelli con Cristo, fratelli in Dio Padre.

Buona giornata!
 

Nessun commento:

Posta un commento