Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 17 gennaio 2017

Martedì 17 Gennaio

Dal Vangelo secondo Marco 2,23-28

In quel tempo, di sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe.

I farisei gli dicevano: « Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?». Ed egli rispose loro: «Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell'offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni?».

E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l'uomo e non l'uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell'uomo è signore anche del sabato».

 

 

Il vero senso di ogni norma è questo!
Gesù non è contro le leggi, come quella del sabato, anzi la rispetta profondamente, basti pensare che nella Resurrezione lo fa suo.
Gesù è contro una certa visione delle regole, non vuole che una norma diventi qualcosa che mi imprigiona, che non mi rende libero.
Se per rispettare un precetto non rispetto il mio fratello, non sto agendo nel modo giusto. E' questo che Gesù vuole dirmi oggi.
«Il sabato è stato fatto per l'uomo e non l'uomo per il sabato!»
Sembra semplice, invece spesso mi è molto più facile fare il giudice spietato e dire ai fratelli quello che va e non va.
Non ci vuole poi molto, vedo un fratello che fa' un azione sbagliata e subito parte il giudizio di condanna prima di fermarmi e pensare perchè ha agito in quel modo.
Non sono poi molto lontano dal fariseismo!
Ma è davvero questa la fede che ci è stata donata? Dio vuole che facciamo diventare la sua Rivelazione un insieme di regole come il codice della strada?
E l'amore dov'è?
E' solo l'amore che mi permette di rispettare le norme per quello che sono realmente: il mezzo per giungere al Padre! Il mezzo non il fine!!

Buona giornata!!!
 


Nessun commento:

Posta un commento