Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 24 gennaio 2017

Martedì 24 Gennaio

Dal Vangelo secondo Marco 3,31-35


In quel tempo, giunsero la madre di Gesù e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo.

Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano».

Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».

 

 

Fare la Sua volontà.
Come se fosse cosa semplice!
Gesù oggi allarga all'estremo una delle prospettive più legate all'uomo: la famiglia!
Non più solo vincolo di sangue, ma aperta a tutti quelli che compiono la Sua volontà.
E qual'è questa volontà?  Credo i due comandamenti: Ama il Signore Dio... ed il prossimo tuo.
Si ma come posso fare per compierla?
Qui forse è ancora più difficile rispondere! Il verbo "compiere" mi richiama all'azione.
Ma forse c'è un passagio preliminare legato alla domanda precedent; devo conoscerla questa volontà, per davvero, con certezza! 
Devo fermarmi, fare silenzio, ed ascoltarla. Questo è l'unico modo per conoscerla.
Altrimenti corro il rischio di compiere si una volontà, ma non la Sua!
Questa è la preghiera cristiana per me. Una relazione con il Padre che crescendo sempre più, mi invita a "mettermi in gioco", ad impegnarmi per costruire il Regno di Dio, e mi porta ad essere padre, madre, fratello per Cristo e per chiunque incontro.
Forse solo a partire da questo silienzio, posso mettermi in azione, agire e comprendere davvero che fratello non è solo chi appartiene alla mia famiglia, ma significa molto di più.

Buona giornata e buona settimana!!

 

 

 


Nessun commento:

Posta un commento