Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 4 gennaio 2017

Mercoledì 4 Gennaio


Dal Vangelo secondo Giovanni 1,35-42

In quel tempo, Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l'agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.

  Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì - che, tradotto, significa maestro -, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio. Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» - che si traduce Cristo - e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» - che significa Pietro.





Questo brano mi scatena un'infinità di pensieri e di emozioni!
Un primo passaggio, per me , fondamentale è quella domanda di Gesù:
"Che cosa cercate?"
Gesù parte proprio dalla base, in Marco la domanda clou è "Chi dice che io sia", ma qui Giovanni ci mostra che ancor prima del "chi" parte dal "che cosa".
Perchè prima di incontrare Gesù, e di poter capire chi Egli sia per me, devo sapere e capire cosa cerco, cosa desidero, nella vita.
Poi c'è quella risposta sempre di Gesù:
"Venite e vedrete"  
 Un uomo, a maggior ragione il Figlio di Dio, non lo si può spiegare a parole, ma va incontrato, bisogna stare con Lui, solo cosi si può tentare di comprendere. Gesù mi dice che il primato più che alla teoria devo darlo alla relazione.
Ma anche la gioia contagiosa di Andrea che vuole condividere subito con il fratello la gioia dell'aver trovato il Messia mi interpella.
Ed allora oggi Gesù mi offre una serie di domande "pesanti":
Cosa cerco nella mia vita? Nella mia vita il primato lo hanno le relazioni? So condividere le gioie con i miei fratelli e sorelle?
Mi sa che devo fermarmi a riflettere molto!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento