Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 14 gennaio 2017

Sabato 14 Gennaio

Dal Vangelo secondo Marco 2,13-17

In quel tempo, Gesù uscì di nuovo lungo il mare; tutta la folla veniva a lui ed egli insegnava loro. Passando, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.

Mentre stava a tavola in casa di lui, anche molti pubblicani e peccatori erano a tavola con Gesù e i suoi discepoli; erano molti infatti quelli che lo seguivano. Allora gli scribi dei farisei, vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani, dicevano ai suoi discepoli: «Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?».

Udito questo, Gesù disse loro: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori».

 

 

 

E' il giudizio che ci frega tutti!
Si, anche quando pensiamo di non giudicare gli altri, di avere una mentalità apertà, in realtà verso qualcuno un po' di giudizio c'è.
In fondo ci crediamo sempre migliori degli altri.
Penso a me stesso, quando ho iniziato l'attività (preferisco chiamarlo incontro) con i giovani senzatetto e  tossicodipendenti qui a Milano, ero felice per quello che potevo portare.
Ma dopo poco, quando diventa la quotidianità ecco subentrare il giudizio: 
Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?
 Eh già, inevitabilmente ti vengono delle domande, ti credi migliore. 
Ma poi fermandomi, mi sono accorto che poi non sono molto diverso da loro, che forse sarebbe bastata una scelta sbagliata o una situazione difficile ed anche io adesso sarei li con Nicholas, Titti, Francesco....
La cosa peggiore che possiamo fare noi uomini e far diventare altri uomini un'etichetta, una categoria: "Peccatori", "Cattivi", "Sbagliati" ecc.
De Andrè concludeva una canzone che amo molto così (vi regalo il video al posto della solita immagine):
Se tu penserai, se giudicherai
da buon borghese
li condannerai a cinquemila anni più le spese
ma se capirai, se li cercherai fino in fondo
se non sono gigli son pur sempre figli
vittime di questo mondo.
 Buona giornata e buona settiman!!!!

Nessun commento:

Posta un commento