Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 23 febbraio 2017

Giovedì 23 Febbraio

Dal Vangelo secondo Marco 9,41-50

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Chiunque vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.

Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare.

Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue.

Ognuno infatti sarà salato con il fuoco. Buona cosa è il sale; ma se il sale diventa insipido, con che cosa gli darete sapore? Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri».

 

 

 


"Buona cosa è il sale; ma se il sale diventa insipido, con che cosa gli darete sapore? Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri"
Quante volte sono insipido, indifferente, senza sapore? e se perdo il sale della mia vita dove posso recuperarlo? 
Mi capita spesso di vedere quanto stiamo perdendo sapore nelle nostre vite. In particolare nella vita frenetica di ogni giorno vedo il dilagare l'indifferenza nei confronti dei fratelli.
Abbiamo sempre mille cose da fare, dobbiamo produrre, e chi resta un passo indietro a poco a poco viene dimenticato, diventa uno scarto.
E così vedo molti poveri nelle situazioni più disperate, ed altri uomini che gli passano accanto senza nemmeno accorgersi della loro presenza. Ormai ci siamo abituati, fanno parte della scena.
Abbiamo perso il sapore, non sappiamo di nulla!
Come posso recuperare questo sale? 
Credo che solo il Padre, possa donarcelo! E' Lui il sale, solo ritornando a Lui possiamo ricevere questo sapore e condividerlo con i fratelli.
Vediamo come oggi, per noi,  lo straniero è un nemico ed un problema, solo il riferimento a Dio ce lo mostra per quello che è realmente: un fratello.
E l'anziano, il malato sono un peso sociale solo con Dio sono dei fratelli.
Ed il tossicodipendente, il carcerato.... sono farabutti che se la sono cercata. Solo riferendomi a Dio li vedo come fratelli.
E' Dio che da il sale alla mia vita! Ma se non vado da Lui per riceverlo la mia vita sarà senza sapore e lo toglierò anche dalle vite dei miei fratelli!

Buona giornata!


Nessun commento:

Posta un commento