Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 25 febbraio 2017

Sabato 25 Febbraio

Dal Vangelo secondo Marco 10,13-16

In quel tempo, presentavano a Gesù dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono.

Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso».

E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, ponendo le mani su di loro.

 

 

Brano breve, con un indicazione semplice da comprendere, non così scontata però da vivere!
Non c'è solo l'immagine molto bella e tenera di Gesù che accarezza i bambini, ma anche un insegnamento forte e profondo.
 "chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso"
Non è cosa da poco. Spesso mi fermo a riflettere e pensare come si possa compiere il Regno di Dio, ed ecco la risposta direttamente da Gesù!
Devo accoglierlo come un bambino.
Il bambino sa accogliere, gioisce di quello che gli viene incontro, gli viene donato.
Il bambino ha un altro sguardo, diverso dal mio.
Il bambino non è portato a vedere il male, la malizia nelle cose; ma coglie prima il bello, il bene.
Io che sono più grande, mi reputo adulto, molto più intelligente e responsabile di un bambino queste cose non le so fare!
Con Gesù ci vuole leggerezza, libertà. Non il mio calcolo, il voler aver tutto sotto controllo, il complicare tutto.
Penso che il Signore mi chieda proprio questo stile, che non è superficialità, ma semplicità.
Un cuore puro e semplice, come quello dei bambini! 

Buona giornata e buon fine settimana!

Nessun commento:

Posta un commento