Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 17 febbraio 2017

Venerdì 17 Febbraio

Dal Vangelo secondo Marco 8,34-9,1

 In quel tempo, convocata la folla insieme ai suoi discepoli, Gesù disse loro:

«Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà.

Infatti quale vantaggio c’è che un uomo guadagni il mondo intero e perda la propria vita? Che cosa potrebbe dare un uomo in cambio della propria vita?

Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi».

Diceva loro: «In verità io vi dico: vi sono alcuni, qui presenti, che non morranno prima di aver visto giungere il regno di Dio nella sua potenza».

 

 

Si riparte da dove si era concluso ieri: "Venire dietro a me".
Gesù oggi mi indica 3 passaggi fondamentali per andare dietro a Lui.
"Rinnega te stesso": mi chiede quello che ha chiesto ieri a Pietro, cioè di rinunciare a tutte le mie idee precostituite su di Lui, a lasciarlo libero di essere quello che è realmente senza costringerlo a corrispondere alla mia immagine di Dio. Vuole che lo accetti per come è.
"Prendi la tua croce": Credo mi chieda la stessa cosa di prima, ma questa volta rivolto verso me stesso. Ognuno ha le sue croci, le cose belle, ma anche quelle brutte, gli aspetti in cui soffre fa fatica. Gesù mi chiede di accettarmi per quello che sono, senza voler essere qualcun altro.
"Seguimi": Dopo aver imparato ad accogliere Lui e ad accogliere me stesso, ora posso seguirlo. Prima non riesco perchè non ho le basi, mi mancherebbero le fondamenta e crollerei. Ora, solo ora, posso correre il grande rischio: quello dell'amore!
Perchè amare non è semplice, ed è rischioso, perchè ci si scopre, mi espongo al pericolo di soffrire.
L'esempio concreto è proprio Gesù, dove il Suo Amore più pieno lo porta a morire in croce.
SeguirTi non è cosa da poco, Amare è un rischio; ma è il cammino più bello che si può compiere.

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento