Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 14 marzo 2017

Martedì 14 Marzo

Dal Vangelo secondo Matteo 23,1-12

In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo: «Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito. Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d'onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati rabbì dalla gente. Ma voi non fatevi chiamare rabbì, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate padre nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare guide, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo. Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

 

"Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente"
Il desiderio di apparire c'è anche nell'ambito religioso, purtroppo, ma con la fede non c'entra nulla.
Quante volte agisco in funzione degli altri? Magari non lo faccio per apparire migliore, ma anche semplicemente per non essere giudicato, male.
Oggi vado a Messa perchè sennò chissà cosa pensa la gente! Faccio questo sennò i vicini pensano male! Dico questa cosa perchè non vorrei essere escluso!....
Questo è l'esatto opposto della fede, perchè se è una relazione personale con il Padre non posso farmi condizionare da altre persone, e soprattutto non posso essere finto!
E' come se un ragazzo uscisse con la sua fidanzata solo per farsi vedere dagli amici, che tristezza!
Eppure tante volte anche io sono così Signore, un po' finto, poco reale. 
"chi si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato"
Aiutami ad avere la giusta percezione di me!

Buona giornata e buona settimana!!

 



Nessun commento:

Posta un commento