Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 22 marzo 2017

Mercoledì 22 Marzo

Dal Vangelo secondo Matteo 5,17-19

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento. In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto.
Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli».

 

 

 
"non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento"
Comprendere questo, è fondamentale!
A volte rischio di aver una comprensione di Gesù estremamente parziale. L'idea che sia venuto a cambiare tutto è sempre dietro l'angolo, ma devo capire davvero le sue scelte, le sue azioni.
Gesù non è venuto ad annullare la prima alleanza, ne a togliere di mezzo le leggi date da Mosè al popolo; Lui agisce in modo differente perchè dà ad esse la corretta interpretazione.
Credo sia quello che vuole dirmi oggi con questa Sua Parola, "Non fermarti alla norma, vai oltre, vai al cuore".
Gesù non cancella la legge, va al cuore!
La rispetta e la vive nella dimensione dell'amore e dell'apertura all'altro.
Un esempio concreto: il Sabato era il giorno per rendere gloria al Signore, Gesù crede nel rispetto del Sabato ma il suo comportamento è differente da quello dei farisei. Loro rispettano la norma rigidamente, senza aprirsi agli altri, fanno quello che si dice di fare; Gesù invece va oltre, la norma dice che è il giorno di Gloria del Signore? E cosa c'è di più glorioso di un fratello storpio guarito? Di un cieco che torna a vedere?
Io spesso rispetto le norme, le compio. Gesù mi insegna a viverle, a portarci dentro l'amore.
Quando inizierò a dare pieno compimento al mio vivere?

 Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento