Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 18 aprile 2017

Martedì 18 Aprile

Dal Vangelo secondo Giovanni 20,11-18

In quel tempo, Maria stava all'esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove l'hanno posto».

Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù, in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Ella, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove l'hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!» - che significa: «Maestro!». Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli e di' loro: "Salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro"».

Maria di Màgdala andò subito ad annunciare ai discepoli: «Ho visto il Signore!» e ciò che le aveva detto.

 

 

Vorrei quasi lasciare lo spazio solo al Silenzio. Mi spiace parlare di questo brano di Vangelo perchè è troppo bello, ho paura che ogni parola lo rovini.
Solo cosi velocemente dico le cose che mi piacciono e mi fanno gioire.
 Hanno portato via il mio Signore e non so dove l'hanno posto
Il "mio" Signore pronunciato da Maria mi colpisce perchè mostra quell'intimità, quell'affetto tipicamente femminile ma che rende l'idea della relazione con Gesù. Che bello sarebbe se pregando anche io lo chiamassi "il mio Signore!"
 Gesù le disse: «Maria!
Gesù la chiama per  nome cosa per noi normale ma nella cultura ebraica, in cui il nome dice tutto della persona, questo gesto identifica un' intimità anche da parte di Gesù che sa rispondere con affetto. Inoltre mi ricorda che per Lui io non sono uno dei tanti, Gesù si ama tutti ma non cosi a caso mi ama chiamandomi per nome.
Non mi trattenere
 Non si capisce ancora bene se questa Maria di Magdala e la Maddalena che rischiava la lapidazione sono la stessa persona, ma mi piace pensare di si ed immaginare che ora Maria cinge i piedi di Gesù per trattenerlo cosi come quel giorno dopo essere stata da Lui salvata, mentre è stesa a terra la prima cosa che vede di Gesù sono proprio i piedi.
Maria di Magdala figura semplice, spontanea, che non ha paura di mostrare i sentimenti, donna che ama.

Buona giornata e buona settimana!


Nessun commento:

Posta un commento