Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 25 aprile 2017

Martedì 25 Aprile San Marco Evangelista

Dal Vangelo secondo Marco 16,15-20

In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.

 

 

Colpisce vedere che "il Signore agiva insieme con loro".
Nonostante non ci sia più fisicamente, il Signore agisce, non è passivo e non delega agli uomini.
Questa dinamica dell'azione mi piace molto, perchè a volte corro il rischio di essere "passivo" dicendo "il Signore ci penserà"; o di credere che Dio stesso sia "passivo" come se tutto dipendesse da me stesso.
Dio nonè lontano dall'uomo, è al mio fianco agisce con me mi accompagna, mi conferma, mi sostiene nelle fatiche.
Cerco sempre di gettare Dio lontano, nei cieli, invece di accorgermi che è qui con me.
Una scusa troppo facile per giustificare il mio non agire, la mia poca fede.
Ci sono fratelli che per la sua Parola, per il Vangelo, hanno dato tutto, anche la vita; oggi nella memoria della Liberazione ne ricordiamo alcuni. 
Ma questo non basta, devo chiedermi "Io come agisco? Faccio la mia parte? Sono consapevole che il Signore agisce con me?"

Buona giornata e buona festa della liberazione!

Nessun commento:

Posta un commento