Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 5 aprile 2017

Mercoledì 5 Marzo

Dal Vangelo secondo Giovanni 8,31-42

In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».

Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora, lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre. Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. So che siete discendenti di Abramo. Ma intanto cercate di uccidermi perché la mia parola non trova accoglienza in voi. Io dico quello che ho visto presso il Padre; anche voi dunque fate quello che avete ascoltato dal padre vostro».

Gli risposero: «Il padre nostro è Abramo». Disse loro Gesù: «Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo. Ora invece voi cercate di uccidere me, un uomo che vi ha detto la verità udita da Dio. Questo, Abramo non l’ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro».

Gli risposero allora: «Noi non siamo nati da prostituzione; abbiamo un solo padre: Dio!». Disse loro Gesù: «Se Dio fosse vostro padre, mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato».

 

 


«Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi».
In questa frase ritrovo, e mi chiarisco, il senso del mio fermarmi tutte le mattine a meditare il Vangelo del giorno.
Non è per diventare un esperto delle scritture o per altro, ma è perchè devo diventare sempre più consapevole che nella sua Parola trovo la Verità.
Ed allora questa mattina mi nascono molte domande:
  • Che spazio/tempo dono all'ascolto della Parola?
  • Cerco di comprendere che in essa trovo la Verità o sono troppo concentrato sulle mie verità?
  • Sono libero o sono schiavo di me stesso, del mio ego, delle mie idee?
Cristo è Verità per la mia vita, ed è davvero Lui che mi libera dalle mie schiavitù, dalla mia autocentratura, dal mio credere di bastare a me stesso.
Sembra di sentire qualcosa di vecchio, ormai superato, ma non è per nulla così! Riflettendo stamane mi rendo conto di come oggi, nell'era della tecnologia, del tutto possibile a portata di click, invece di essere più libero sono più schiavo, sia di me stesso che di un mondo che ti porta dove vuole lui.
Solo "rimanendo" nella sua Parola posso andare oltre!
Che bello questo verbo rimanere, mi da l'idea del fermarmi, prenderci casa, riposarmi....
E' una parola viva, che dona la vita.
Spero di imparare a comprenderne l'importanza e la grandezza!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento