Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 1 aprile 2017

Sabato 1 Aprile

Dal Vangelo secondo Giovanni 7,40-53

In quel tempo, all'udire le parole di Gesù, alcuni fra la gente dicevano: «Costui è davvero il profeta!». Altri dicevano: «Costui è il Cristo!». Altri invece dicevano: «Il Cristo viene forse dalla Galilea? Non dice la Scrittura: "Dalla stirpe di Davide e da Betlemme, il villaggio di Davide, verrà il Cristo"?». E tra la gente nacque un dissenso riguardo a lui.

Alcuni di loro volevano arrestarlo, ma nessuno mise le mani su di lui. Le guardie tornarono quindi dai capi dei sacerdoti e dai farisei e questi dissero loro: «Perché non lo avete condotto qui?». Risposero le guardie: «Mai un uomo ha parlato così!». Ma i farisei replicarono loro: «Vi siete lasciati ingannare anche voi? Ha forse creduto in lui qualcuno dei capi o dei farisei? Ma questa gente, che non conosce la Legge, è maledetta!».

Allora Nicodèmo, che era andato precedentemente da Gesù, ed era uno di loro, disse: «La nostra Legge giudica forse un uomo prima di averlo ascoltato e di sapere ciò che fa?». Gli risposero: «Sei forse anche tu della Galilea? Studia, e vedrai che dalla Galilea non sorge profeta!». E ciascuno tornò a casa sua.

 

 

Se Colui che mi parla mi mette in difficoltà, svela tutte le mie ipocrisie, desidero solo una cosa: farlo tacere.
E' proprio quello che fanno i farisei ed i sacerdoti, si sentono minacciati da Gesù, anche se Lui non parla o agisce contro di loro.
Gesù non è contro nessuno, i suoi insegnamenti sono per invitare tutti a  ritornare al Padre, con verità, senza doppie facce.
Ma se non voglio ascoltarlo mi invento ogni cosa; come i farisei mi nascondo dietro cose banali, o sfrutto a mio favore la legge e le scritture per smentirlo.
Non ascolto nemmeno i miei fratelli che mi invitano al buonsenso, come fa Nicodemo.
Per accogliere l'insegnamento di Gesù serve apertura! Basta difese, pregiudizi, paure, tutto quello che tiene rinchiuso, incatenato.
Devo imparare a mettermi in discussione, a non aver paura di perdermi, per ritrovarmi pienamente.

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento