Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 22 aprile 2017

Sabato 22 Aprile

Dal Vangelo secondo Marco 16,9-15

Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero.

Dopo questo, apparve sotto altro aspetto a due di loro, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch'essi ritornarono ad annunciarlo agli altri; ma non credettero neppure a loro.

Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto. E disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura».

 

 Si sta concludendo l'ottava di Pasqua ed il Vangelo di oggi mi offre un "riassunto" di tutto quello accaduto in questa settimana.
Dall'apparizione del Risorto a Maria di Magdala fino a quella agli Undici, passando per Emmaus.
L'ho già detto e lo ripeto, sono i brani del Vangelo che mi fanno emozionare di più, che mi donano un'infinità di gioia.
Credo che per me sia importante quel rimprovero che Gesù fa ai suoi discepoli:
li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore
E' un rischio perenne quello dell'incredulità, ma soprattutto la durezza di cuore, specie nelle relazioni.
Se incontro gli altri con la durezza del cuore, li tengo lontani, non sarò mai in grado di accogliere Cristo che mi viene incontro. Sarò perennemente incredulo.
E pensandoci è un meccanismo che mettiamo in atto tante, troppe volte.
Partiamo dal familiare con cui abbiamo discusso, passando per il caporeparto, l'amico che ha tradito, la persona antipatica, fino al fratello che arriva sulle nostre coste in cerca di pace e sicurezza (a causa anche di bombe firmate "Italia" che gli piovono in testa).
E se rifiutando un fratello, rifiutassi Cristo?
Tanto più che Gesù oggi oltre al rimprovero mi fa un invito:
«Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura»
 Ad ogni creatura, non solo a chi mi piace o mi sta simpatico, perchè sennò questo non è il Vangelo di Cristo, ma il mio!

Buona giornata e buon fine settimana!

Nessun commento:

Posta un commento