Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 29 aprile 2017

Sabato 29 Aprile Santa Caterina da Siena

Dal vangelo secondo Matteo 11,25-30

 In quel tempo, Gesù disse:
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».


Quanto ho bisogno di liberarmi da tutti questi pesi che mi opprimono!
Non so voi, ma io spesso mi sento davvero come un macigno sulle spalle, e spesso questo è un peso che mi carico da solo. Può essere una relazione difficile, una difficoltà lavorativa, una situazione che non si vuole o non si riesce ad affrontare...
Sono tanti i pesi che ci portiamo ogni giorno addosso.
Gesù oggi mi parla di leggerezza, da non confondere con lassismo o superficialità, ma da gustare assieme alla dolcezza.
Che bellezza in queste due parole e nel loro significato, Gesù sa che con esse può rendermi libero da tutto ciò che mi opprime, mi schiaccia, anche da me stesso!
Non serve essere sapienti o dotti, o credersi tanto bravi e buoni da conquistarle come un premio, la leggerezza e la dolcezza sono due doni che vanno accolti ed abbracciati, ed infine condivisi!

Buona giornata e buon fine settimana!

Nessun commento:

Posta un commento