Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 7 aprile 2017

Venerdì 7 Aprile

Dal Vangelo secondo Giovanni 10,31-42

In quel tempo, i Giudei raccolsero delle pietre per lapidare Gesù. Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre; per quale di esse volete lapidarmi?». Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un'opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio». 

Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: "Io ho detto: voi siete dèi"? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio - e la Scrittura non può essere annullata -, a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: "Tu bestemmi", perché ho detto: "Sono Figlio di Dio"? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io nel Padre». Allora cercarono nuovamente di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani. 

Ritornò quindi nuovamente al di là del Giordano, nel luogo dove prima Giovanni battezzava, e qui rimase. Molti andarono da lui e dicevano: «Giovanni non ha compiuto nessun segno, ma tutto quello che Giovanni ha detto di costui era vero». E in quel luogo molti credettero in lui.

 

 

C'è un aspetto contrastante in questa lettura. Sembra che Gesù venga rifiutato da tutti ormai, che nessuno lo ascolti, ma il brano si conclude con "molti credettero in lui". 
Mi colpisce questo contrasto presente anche nella prima parte quando i Giudei vogliono catturare ed uccidere Gesù e Lui giustamente chiede per quale opera buona viene condannato.
Mi piace questo perchè è un forte richiamo alla mia vita, alla mia fede, spesso troppo altalenante. Oscilla tra i grandi entusiami  ed enormi delusioni.
Ma Gesù va cercato e vissuto nel concreto di ogni giorno e si deve imparare ad avere un "sano entusiasmo" dalle grandi emozioni (sia positive che negative).
Dico sano però perchè anche il vivere la fede solo "di testa" è lo stesso un problema, basti vedere questi Giudei che cercano di contrastare Gesù con i ragionamenti e non si aprono a Lui nemmeno di fronte all'evidenza della ragione.
Dio è sempre oltre! Ed è questo il bello, che Dio sarebbe quello che posso comprendere totalmente, che è esattamente come dico io? Andrebbe a genio a me, ma ad un mio fratello potrebbe stare antipatico.
No Dio non si coglie ragionando, si accoglie di cuore. 

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento