Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 3 maggio 2017

Mercoledì 3 Maggio Santi Filippo e Giacomo

Dal Vangelo secondo Giovanni 14,6-14

In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch'egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò».

 

Forse è proprio perchè i discepoli stentavano a capire che Gesù decide di svelarsi, raccontarsi, apertamente.
Io sono la via, la verità e la vita.
Dopo la definizione di ieri, eccone un'altra oggi forse ancora più chiara e più certa.
La domanda di Filippo sembra quasi fuori luogo, specie detta dopo queste parole di Gesù, ma io penso sia davvero profonda e valida anche per me oggi.
Signore, mostraci il Padre
Solo Gesù che è verità può mostrarmi il vero volto del Padre e lo fa con la sua stessa vita infatti risponde:
io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.
Ecco allora che da Gesù, dalle sue opere posso conoscere davvero il Padre. Quello che Gesù compie non è nient'altro che amore, tutte le sue opere sono espressione d'amore. Ecco quindi il volto del Padre!
Come dirà poi Giovanni, Dio è amore.
Ed ora si smontano tutti i miei falsi miti su Dio, tutte le mie idee e preconcetti e posso conoscerlo veramente.
So anche quale via seguire per giungere a Lui: Cristo stesso dice di essere la via, cioè posso comportarmi come Lui si è comportato, essendo amore per i miei fratelli, nel mondo!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento