Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 31 maggio 2017

Mercoledì 31 Maggio Visitazione di Maria

Dal Vangelo secondo Luca 1,39-56

 In quei giorni, Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: "Benedetta tu fra le donne, e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore". Allora Maria disse: "L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l'umiltà della sua serva. D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente e Santo è il suo nome: di generazione in generazione la sua misericordia si stende su quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato a mani vuote i ricchi. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre". Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

 

 L'ho già detto e ripetuto all'infinito quanto questo brano mi emozioni, penso sia l'incontro tra due donne, due mamme più bello della storia!
Oggi ho preferito fermare la mia meditazione su questo canto magnifico che troppo spesso ripeto "meccanicamente" ogni sera durante i vespri; il rischio dell'abitudine è proprio quello di non aiutare la riflessione.
Mi è venuto subito un raffronto tra questi passi e quelli del profeta Isaia letti da Gesù nella sinagoga all'inizio del suo ministero.
Quello che Dio annuncia di compiere è davvero qualcosa di enorme, un insieme di paradossi, dove tutto quello che sono abituato a vedere è ribaltato.
Penso che è anche quello che vuole compiere nella mia vita, un cambiamento, un ritorno alla semplicità, un ritorno verso Lui.
Io sono disponibile a questo cambio, a questo ritorno? 
Maria dopo aver proclamato queste parole, resta per mesi a servire la cugina pur essendo anche lei incinta. Io dopo aver visto le meraviglie di Dio nella mia vita, so metterle a servizio dei fratelli?
Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento