Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 6 maggio 2017

Sabato 6 Maggio

Dal Vangelo secondo Giovanni 6,60-69

In quel tempo, molti dei discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?».
Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono».
Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre».
Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».



Pietro spesso ha fatto figuracce per questa sua enorme spontaneità, basti ricordare quando critica Gesù per l'annuncio della Passione e viene definito da Lui "Satana", o quando dice di essere pronto a morire per Lui salvo poi rinnegarlo poche ore dopo.
Però è magnifica questa sua genuinità, questo suo essere così spontaneo. Forse mi piace perchè un po' lo sono anche io.
La sua risposta alla domanda di Gesù sembra qualcosa di scontato per Pietro:

Signore, da chi andremo?
Da chi vuoi che andiamo? Dai leader totalitari? dai sedicenti santoni che alla prima occasione spariscono?
"Per la prima volta nella mia vita ho trovato qualcosa per cui vale la pena rischiare tutto, io non la mollo" sembra pensare Pietro.
Quanto vale anche per me oggi!
Siamo circondati dovunque da leaderismi, da guru, da "lanciatori di slogan"; tutta gente che non offre nulla se non un pensiero debole e parziale.
Il loro stile è attraente, coinvolge, in un mondo troppo concentrato sui sensi fa piacere, ma questo non libera anzi rende schiavi.
Gesù fa per me l'opposto: mi libera non mi tiene prigioniero, tanto da dirmi:
Volete andarvene anche voi?
 Ed allora anche io gli rispondo: " Dove vuoi che vada Signore? sei il più bel rischio che voglio correre nella mia vita!"

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento