Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 21 giugno 2017

Mercoledì 21 Giugno

Dal Vangelo secondo Matteo 6,1-6.16-18
 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».


L'ipocrisia non la troviamo solo quando ci autogiustifichiamo, o nascondiamo il male compiuto; l'ipocrisia è più subdola si può nascondere anche nel "fare il bene".
Questo è il suo aspetto più pericoloso perché spesso non riesco nemmeno a riconoscerlo, e quindi compio tanti bei gesti ma li distruggo da solo avendo come fine dell'altro che non è l'amore.
Quante buone azioni compio per sentirmi bravo, o per farmi vedere "buono e giusto" dagli altri? Quante persone ho aiutato sapendo poi di riceverne il contraccambio?
Questo nemico (l'ipocrisia) non è poi così distante e lontano come sembra!
L'unica vera ricompensa, l'unico vero obiettivo finale è Dio Padre Nostro, non ci sono tappe intermedie.
Tutto questo è molto importante perché mi rende chiarissima una cosa: se è Padre Nostro, vuole che i miei atti di bene siano rivolti a tutti, non solo a qualcuno, non solo a chi mi sta simpatico.
Ecco un'altra ipocrisia dalla quale mi libera, il pericolo del "Sono cristiano ma .....", purtroppo troppo diffuso tra noi oggi!

Buona giornata!!!

Nessun commento:

Posta un commento