Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 25 luglio 2017

Martedì 25 Luglio San Giacomo

Dal Vangelo secondo Matteo 20,20-28

In quel tempo, si avvicinò a Gesù la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di' che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno». Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato». Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dóminano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell'uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».



La logica di Gesù non è la nostra.
Io sono come Giacomo e Giovanni, o come gli altri discepoli, troppo intenti nella ricerca della gloria, del potere terreno.
I primi due hanno la faccia tosta di chiederlo direttamente a Gesù, gli altri li criticano ma sotto sotto vorrebbero fare lo stesso, vedi la discussione su "chi di loro fosse il più grande".
Gesù proprio per questo ribalta tutte queste loro idee, mostrando il suo progetto, il desiderio del Padre, che è l'esatto ribaltamento delle loro idee:
"chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo"
Ma quanto fatico a comprendere tutto questo! La ricerca del potere anche nel mio piccolo spesso prende il sopravvento, il ruolo all'interno del gruppo, il prevalere nel fare un lavoro comune, il voler organizzare da solo....
Quanto manca nella mia vita la dimensione del servizio?  Desidero un servizio gratuito e non appariscente, o cerco la gloria?
Eppure l'esempio lo ritrovo davanti agli occhi ogni giorno: quella croce che spesso "sventolo" ovunque come segno di riconoscimento, altro no è che l'espressione concreta del "Figlio dell'uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti".

Buona giornata!!!




Nessun commento:

Posta un commento