Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 26 luglio 2017

Mercoledì 26 Luglio

Dal Vangelo secondo Matteo 13,1-9

Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia.
Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un'altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c'era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un'altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un'altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti».


parabola è di facile comprensione, quindi il messaggio che Gesù vuole donarci è quasi immediato e le domande nascono spontanee: Che tipo di terreno sono io? Come accolgo il seme cioè la sua Parola?
Oggi io sono rimasto colpito ed incuriosito da un aspetto che non avevo mai notato leggendo questo brano, il seminatore lascia cadere il seme su ogni tipo di terreno!
Non è una cosa da poco, perché ponendomi le domande di cui parlavo prima, spesso mi riconosco in ognuno di quei terreni. A volte sono strada e non accolgo, a volte sono terreno sassoso e non ho radici ne sostanza, a volte sono colpito dai rovi, altre invece sono terreno buono e riesco ad accogliere.
Certamente Gesù sa tutto questo, eppure getta il seme della Parola in ogni mio terreno! Nessuno è escluso da questa sua semina!
Non si stanca di me, e nonostante tutto non sarò mai escluso da Lui, quindi c'è sempre una possibilità per trasformare il mio terreno cattivo in un terreno fertile.

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento