Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 22 luglio 2017

Sabato 22 Luglio Santa Maria Maddalena

Dal Vangelo secondo Giovanni 20,1-2.11-18

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!». Maria stava all'esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove l'hanno posto». Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù, in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Ella, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove l'hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!» - che significa: «Maestro!». Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli e di' loro: Salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro». Maria di Màgdala andò ad annunciare ai discepoli: «Ho visto il Signore!» e ciò che le aveva detto.

Ormai è risaputo che questa è la mia festa liturgica preferita!
Amo la figura di Maria Maddalena ed amo questo brano di Vangelo che ci mostra tutta la sua relazione d'Amore con il Signore.
Mi piace molto questa figura perché è il simbolo, il riassunto, del percorso di fede di ognuno di noi. Per troppo tempo è stata vista solo come "la peccatrice", ma in lei c'è molto di più, a partire dal suo essere "una peccatrice amata, che diventa amante!".
Maria Maddalena nel suo peccato si riconosce amata lo stesso da Gesù e da qui rinasce e risponde con amore al "suo Signore".
Non è anche il mio cammino? Chi non è peccatore? Io lo sono, ma oltre questo devo riconoscermi amato dal Padre, e questo mi porta ad amare Lui ed i fratelli.
Questo brano è ricolmo di un'infinita tenerezza: da Maria che chiama Gesù "il mio Signore", a Gesù che per farsi riconoscere la chiama per nome (chissà con quanta dolcezza lo avrà pronunciato!), tornando di nuovo a Maria che "trattiene" Gesù senza lasciarlo andare.
Credo sia un grande dono l'aver elevato a Festa liturgica il ricordo di questa bella figura evangelica, che può davvero essere maestra di fede per me, una fede che nasce dal basso, lontana dalle ipocrisie del perbenismo e dal rischio di rifugiarsi nella "chiesa dei giusti". 
Santa Maria Maddalena, apostola degli apostoli.

Buona giornata e buon fine settimana!

Nessun commento:

Posta un commento