Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 29 luglio 2017

Sabato 29 Luglio S. Marta

Dal Vangelo secondo Giovanni 11,19-27

In quel tempo, molti Giudei erano venuti da Marta e Maria a consolarle per il fratello. Marta dunque, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà». Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell'ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?». Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo».

Una cosa mi colpisce di questo brano: la libertà data dall'amicizia, perché Marta è amica di Gesù e con una grande libertà compie un atto di fede che per me è anche un rimprovero.
Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà.
Marta non dubita di Gesù, nemmeno della sua divinità, ne è segno il fatto che abbandona subito gli altri venuti a consolarla per raggiungerlo e le sue parole mostrano tutta la sua fiducia.
Gesù risponde da amico, con intimità non se la prende per il rimprovero ma da' ancora carica alla sua fiducia.
Mi fa proprio bene ascoltare, meditare, questo brano di Vangelo perché anche io vorrei avere quest'amicizia, quest'intimità con Lui. C'è  è qui a portata di mano ma a volte non me ne accorgo, non la vedo, lo credo distante.
A volte "disumanizzo" troppo Gesù, tanto da far sembrare cosa straordinaria, o almeno strana, il suo avere degli amici, qualcuno con cui si sente in sintonia, sa di poter parlare liberamente, si sente libero. Questo brano mi fa ripensare anche alla fortuna di avere amici con cui mi posso sentire così, come Gesù con Marta, Maria e Lazzaro.
L'amicizia, quella vera, non quella che si basa su simpatie politiche, calcistiche o altro, ma quella che aiuta a camminare, credo sia uno dei più bei doni di Dio!

Buon fine settimana!


Nessun commento:

Posta un commento