Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 11 agosto 2017

Venerdì 11 Agosto S. Chiara d'Assisi

Dal vangelo secondo Giovanni  15, 4-10.



     In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: « Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso, se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me, viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli.
Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti dei Padre mio e rimango nel suo amore ».

Quanto adoro in questo periodo questo suo invito: "Rimanete"!
Per tanto, forse troppo, tempo ho sottovalutato questo suo invito; in fondo sembra una cosa facile, non dovrebbe richiedere poi questo grande impegno il rimanere.
Invece mi sono accorto che è molto più difficile di quanto pensassi, perché non è un sopravvivere ma proprio un mettere radici, radicarsi, per avere vita.
L'esempio dei tralci e della vita è bello, oltre che molto chiaro: il tralcio che produce i frutti è molto importante, ma se viene staccato dalla vite non riceve più il suo nutrimento e presto si secca e muore.
Non è un invito allo stare fermi, ma al "rimanere nel Suo Amore" per fare frutto, per mettere in circolo questo Amore.
"Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi"
Penso che questo si colleghi all'invito di Gv 15,12:


"Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati" 

E' bellissimo questo "circolo": dal Padre al Figlio, dal Figlio a me, da me ai fratelli.
S. Chiara aveva capito bene tutto questo, e non ha fatto altro che rimanere in questo Amore del Padre, più importante di tutte le sue ricchezze; un amore che poi ha condiviso con le sue sorelle.
Io sono dentro in questo circolo, e sono invitato a rimanere, ma voglio mettere in circolo il mio amore?



Buona giornata!


Nessun commento:

Posta un commento